shutterstock_264514847-1280x872.jpg

Ed eccoci, come vi avevo promesso, a parlare della vitamina C che appartiene al gruppo delle vitamine idrosolubili.

È conosciuta anche come acido ascorbico  poiché, nel XVII secolo, si scoprì avere un effetto preventivo e terapeutico nei confronti dello scorbuto, una patologia frequente che colpiva i marinai che intraprendevano lunghi viaggi: infatti in questi periodi in mezzo al mare questi uomini non riuscivano ad assumere frutta e verdura fresche con costanza.

Vitamina C: non solo antiossidante

La vitamina C  è conosciuta soprattutto per la sua attività antiossidante, ma negli ultimi anni anche per quella antiinfettiva.

È inoltre indispensabile perché oltre a ridurre i livelli di radicali liberi, inibisce la formazione di nitrosamine che sono presenti nei pesticidi o che si possono formare a partire dai nitriti presenti soprattutto in alimenti conservati (soprattutto insaccati).

Ma la vitamina C ha un’azione anche nei confronti del sistema nervoso poiché è coinvolta nella sintesi dei neurotrasmettitori.

Molti studi sulla patogenesi di malattie neurodegenerative, come Alzheimer, Parkinson, Malattie di Huntington, sclerosi multipla e sclerosi laterale amiotrofica, hanno evidenziato un’associazione tra basse concentrazioni di acido ascorbico sierico e patologie neurodegenerative.

Si ritiene inoltre che un consumo regolare di vitamina C abbia un’azione preventiva nei confronti dello sviluppo dei tumori.

È inoltre molto utile per migliorare l’assorbimento del ferro: individui con scorbuto hanno infatti anemia anche grave.

Fonti di Vitamina C

Quali sono le fonti della vitamina C?

Le più importante sono gli agrumi, i kiwi, le fragole e i peperoni (151 mg/100 gr!), i lamponi, il peperone, il melone cantalupo, il sedano e l’indivia.

Attenzione però! la vitamina C è termolabile: per essere certi di assumere una buona quantità di acido ascorbico cercate di assumere questi alimenti crudi!

Una macedonia fatta con kiwi, fragole e una spruzzata di limone è una vera scorpacciata di vitamina C e un’ottima idea per una sana merenda!

Bibliografia

  • Nikolaj Travica et al., “Vitamin C Status and Cognitive Function: A Systematic Review” Nutrients 2017, 9, 960.
  • Morgana Moretti et al. “Preventive and therapeutic potential of ascorbic acid in neurodegenerative diseases”. CNS Neurosci Ther. 2017;23:921–929.
  • Maurizio la Guardia, Santo Giammanco, Marco Giammanco; “Fondamenti di scienza dell’Alimentazione” Edises

Dott.ssa Chiara Rigon